Si è verificato un errore nel gadget

ArtSide is the side of the Art. It's a platform where you can look, listen and read a lot of different artistic
products, with a new wave of thinking about Art
_______________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________

Si è verificato un errore nel gadget

ArtSide Words








ArtSide sostiene fortemente il blog 


Redheads Going Wild





per una nuova cultura della musica lontana dalle major, dalle loro mistificazioni e malefatti e fedele alla linea dell'arte









CLADIO CUCCOVILLO


                                                     



       


        Gesù si è sacrificato per te



Il suo profumo che bruciava le mie narici
mi faceva venire il voltastomaco 
il basso correva veloce durante le preghiere ai veri Dei
giocavamo insieme stesi su un divano
avevamo bloccato le nostre emozioni su quelle corsie

dopo migliaia di sigarette bruciate
era arrivata l'ora della luce di una candela
tutto si scioglieva velocemente 
purtroppo l'ho vista poche volte 
forse l'avrei voluta spegnere quando non era il momento di accenderla

Ricordo perfettamente il sudore sui nostri volti
la beatitudine nei nostri occhi,
ma qual è stato il prezzo da pagare? 
Ora sono qui seduto sulla mia sedia da vile
è Natale e ho anche io la mia corona di spine
le lacrime, se ci fossero ancora, scorrerebbero dai miei occhi
è Natale e sento la tua mancanza...

      


                   Deserti



                            



Nessuna parole per muoverti e nessun gesto per esprimermi
scorrono lenti gli anni nel buio con questo silenzio
il mondo sembra essersi fermato cent'anni fa
le guerre hanno desertificato i nostri animi
le croci esplodono ancora senza frastuono
una bomba atomica simboleggia la nostra decadenza

Le anime ancora oggi danzano rimbombando e la musica non è più speranza
tanto tempo fa i nostri corpi ballavano canti di speranza
oggi il nostro domani è peggiore di ieri
quante armi dovranno ancora essere usate per finire questo massacro?
Quanti corpi grondanti di sangue dovranno accasciarsi esausti il nome del Tuo nome?
Dove siamo finiti? Dove stiamo andando? Come la smetteremo?



                                                                    



               

                         Vento


 


Il modo in cui ti muovi
il modo in cui parli
il modo in cui fumi le tue sigarette

mi lascio perdere nel buio
permetto ai miei sogni di viaggiare alla velocità della luce
assaggio il tuo profumo

Il modo in cui ancheggi
il modo in cui urli
il modo in cui spegni le tue sigarette

picture by Man Ray


                



                       


                           Notti



Abbiamo camminato distanti cercando di scoprirci
aspettando che uno dei due fosse il primo a commettere qualche errore
"ma nessuno ha detto che sarebbe stato facile"
e siamo rimasti fermi ad aspettare la nostra cometa.

Spiegami come riesci ad essere così impassibile
lasciami ingannarmi un altro poco questa sera
chiedimi se ti amo ancora
e svuotiamo i nostri corpi di tutti gli ardori,
inchinati davanti alla mia fisicità
baciami appassionatamente senza mostrare alcun timore
e scoprirai il mio sapore

Abbiamo corso formando un cerchio perfetto
nella saggezza della ripetizione dei nostri movimenti ci siamo amati
"ma nessuno ha detto che sarebbe stato facile"
abbracciati abbiamo ritrovato insieme la nostra grotta.



        
          

       Rendimi migliore
Rendimi migliore ti prego, 
sto guardando a lungo dentro il mio passato, ma non trovo alcun futuro,
dimmi che mi ami e spiegami come odiarti,
ho sempre detto di volare, ma non ho mai posseduto un paio di ali.
Rendimi migliore ti prego.
rompi il mio viso in mille e altri mille pezzi di specchio,
un sultano ha urlato il mio nome nel suo castello, ma io cercavo di scappare dai serpenti,
mangio ormai solo sentimenti spezzati da coltelli senza alcun manico.

Rendimi migliore ti prego,
fammi ascoltare le note che nuotano nella tua mente,
ma nessuna chitarra potrà mai fare eco al mio testamento.
Non ho mai parlato dell'abbraccio del padre poiché era solo una catena non interrotta di monti,
le mani del potente mercante mi hanno toccato insegnandomi a vendere anime senza alcun futuro...
... mi sono ritrovato su una bancarella alla fiera di paese.

                


                  

                            Strade

                                     
                     Uso,
                                     abuso,


illuso il mio animo incontra e si scontra di 


nuovo contro questo deserto di sentimenti


mentre lo specchio prende fuoco


lasciando nella mia stanza un bruciatura 


indelebile

figlia di un cuore che si
                                   
                                   avvolge

                                    e


                                   contorce


                                   per vivere




















Blog  http://burningmirror.blogspot.com/




4 commenti:

Anonimo ha detto...

Fantastico!

Anonimo ha detto...

Grandi ragazzi!

Anonimo ha detto...

bellissime immagini e parole, molto toccanti, complimenti Claudio

Anonimo ha detto...

Parlare male porta a pensare male, pensare male porta a scrivere male, scrivere male causa il meteorismo.

Posta un commento